Padre Boyle, l’uomo che riabilita migliaia di membri delle peggiori gang di Los Angeles


tratto dall’Osservatore Romano – Chi capita per la prima volta sul sito internet di Homeboy Industries normalmente rimane senza parole. Sono così tante le storie di uomini e donne coinvolti nelle gang locali, che sono stati in prigione e che ora testimoniano l’inizio di una nuova vita. «Sono finalmente libera; è stata una lotta all’inizio perché, quando sono arrivata qui, non avevo pazienza», racconta Brandi Parham sul sito di Homeboy Industries. «Grazie a questo posto sono riuscita anche a riavere indietro i miei figli. Io vivo per loro e avevo bisogno di fare questo non solo per me ma per loro», continua Brandi. Questa e tante altre storie di vita vissuta raccontano il successo di Homeboy Industries, una realtà nata e cresciuta a Los Angeles, California, in una delle zone più fortemente toccate dalla violenza delle gang locali, che desidera offrire una speranza ai membri delle gang e a chi esce dal carcere.

Padre Gregory Boyle, gesuita, ha dato inizio a quest’avventura più di trenta
anni fa quando venne inviato come parroco nella chiesa della missione di
Dolores, la parrocchia cattolica più povera di Los Angeles. In queste persone,
da tanti considerate solo perico…



Guarda l’ariticolo completo su sanctis.org

Lascia un commento