La gang degli onesti


Pensavamo fosse trasparenza e invece era un ricatto; pensavamo fosse onestà e invece era dhimmitudine. Se c’è un partito oggi asservito al pensiero unico e alla mentalità dominante, quello è il M5s. I grillini sono l’esatto contrario di quel che professano di essere: non un partito anti-sistema, ma un partito figlio della parte scema del sistema. Utili idioti con qualche problema con la consecutio temporum.

IL CASO SARTI: LA TRASPARENZA È UN RICATTO

Il caso Sarti, ad esempio. La deputata pentastellata che pare facesse la furba con i rimborsi è finita al centro di una storiaccia boccaccesca di ricatti, filmati, revenge porn e altre cose simpatiche. Ma non è su questo su cui importa indagare quanto sulla degenerazione pratica cui ha portato la malsana idea di trasparenza grillina. Essa è sempre stata uno dei pilastri della retorica pentastellata per picconare l’opacità della casta: il luccicante streaming opposto alle tenebre della stanza dei bottoni, la rendicontazione online opposta alle furberie delle note spese, la mistica del voto via piattaforma opposta agli inciuci di palazzo. La fortuna dei 5 stelle è stata costruita anche così, contrapponendo al “v…



Guarda l’ariticolo completo su sanctis.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *