La terza strada tra tecnocrazia e populismo


Articolo tratto dal numero di Tempi di marzo 2019.

Il tema della crisi dell’attuale ceto dirigente è sotto gli occhi di tutti, fino a mettere in discussione la validità dei consolidati meccanismi di rappresentanza e di selezione della stessa classe dirigente e politica. Il problema è assai complesso e non paiono sufficienti le scorciatoie cosiddette “populiste”, né la semplice difesa formale dei princìpi democratici.

Nell’ultimo numero di Tempi l’amico Giancarlo Cesana ha ripreso un interessante articolo di Robert C. Koons (professore di filosofia all’Università del Texas, Austin) specificamente dedicato alla dialettica fra élite e upper class, secondo la distinzione introdotta a suo tempo dal grande poeta Thomas Stearns Eliot.

In sintesi, la cosiddetta “classe dirigente” è quella che si muove nel solco della tradizio…



Guarda l’ariticolo completo su sanctis.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *